Per il 2015

Bandiera Blu a 280 spiagge

Bandiera Blu è un eco-label volontario assegnato alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio avendo come obiettivo principale quello di indirizzare la politica di gestione locale, di numerose località rivierasche, verso un processo di sostenibilità ambientale

 147 località per un totale di 280 spiagge, questa quanto emerso da Bandiera Blu 2015.

La vetta della classifica è affidata alla Liguria con 23 spiagge seguita poi dalla Toscana con 18, 17 per Le Marche, 14 per la Campania, 11 per la Puglia e a seguire le altre regioni con assegnazioni in numero progressivamente decrescente.

Ma cos’è la Bandiera Blu?

Bene, la Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987- Anno europeo dell’Ambiente, che viene assegnato ogni anno in 48 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell’Onu: Unep (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e Unwto (Organizzazione Mondiale del Turismo) con cui la Foundation for Environmental Education (Fee) ha sottoscritto un Protocollo di partnership globale.

Bandiera Blu è un eco-label volontario assegnato alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio avendo come obiettivo principale quello di indirizzare la politica di gestione locale, di numerose località rivierasche, verso un processo di sostenibilità ambientale.

Criteri utilizzati per ottenere la Bandiera Blu che spaziano dall’educazione ambientale che prevede, ad esempio, un minimo di 5 attività di educazione ambientale offerte ogni anno ai bagnanti, alla qualità delle acque elemento questo che presuppone che la spiaggia debba rispettare pienamente i requisiti di campionamento e frequenza relativamente alla qualità delle acque di balneazione, dalla gestione ambientale che impone una gestione speciale dell’ecosistema e questo per garantire la conservazione e la biodiversità degli ambienti ai servizi e sicurezza che richiedono misure adeguate di personale di salvataggio e/o attrezzature di salvataggio disponibili sulla spiaggia e tutto in funzione del raggiungimento dei più elevati livelli di qualità e sostenibilità ambientale.

E allora quest’anno non abbiamo dubbi, scegliamo una spiaggia che sventola Bandiera Blu, tutta made in Italy.

Per maggiori informazioni sulle spiagge e gli approdi turistici Bandiera Blu 2015.

(Elsa Sciancalepore)

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner