Nella Maremma toscana il primo agriturismo «Ecolabel»

La Fattoria «Il Duchesco»

Nella Maremma toscana il primo agriturismo «Ecolabel»

Fabio e Cristina Duchini raccontano come e perché hanno deciso di richiedere la certificazione Ecolabel

Cristina Neri conduce dal 1997, con il marito Fabio Duchini, la Fattoria «Il Duchesco», nel Parco della Maremma toscana. «Il Duchesco» è il primo Agriturismo certificato Ecolabel in Italia ed in Europa. «Con la direzione del Parco della Maremma - racconta Cristina - da tempo eravamo impegnati in un progetto di educazione ambientale rivolto al risparmio energetico ed idrico. Nelle camere del nostro agriturismo, per esempio, invitiamo gli ospiti a risparmiare luce ed acqua e alla raccolta differenziata. Abbiamo applicato luci a risparmio energetico e carta igienica ecologica. E come premio consegniamo loro una targa che riconosce noi e le aziende che hanno aderito «Esercizio Consigliato dal Parco». E' chiaro – continua a raccontare la giovane imprenditrice toscana – che il passaggio per ottenere la certificazione dell'Ecolabel europeo è stato quasi scontato. L'impostazione era già stata data e ci sono voluti pochi altri accorgimenti per entrare a farne parte. L'Ecolabel, però, chiede requisiti obbligatori e requisiti facoltativi da scegliere tra una rosa, ma con un minimo di punteggio da ottenere. La pratica burocratica è molto complessa e rigorosa. Abbiamo impiegato otto mesi per ottenere la certificazione e per noi è stato molto difficile raccogliere il materiale iniziale per dimostrare le nostre reali condizioni di lavoro e la conformità ai requisiti richiesti.. Peraltro l'Europa è molto più sensibile rispetto all'Italia, e già da molti anni preferisce sia per l'alimentazione, ma anche per lo stile di vita, strutture che per le vacanze possono offrire un'alimentazione biologica e sensibilità al risparmio energetico ed idrico... piuttosto che valutare i cosiddetti comfort. Speriamo dunque di ottenere un ritorno in termini di immagine, ma che per adesso è presto da quantificare».
Francesca Di Tommaso
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner